Il porto di San Nicola: l’isola dei monaci

L’isola di San Nicola è il centro amministrativo e insieme il nucleo storico delle Tremiti: si tratta di una delle isole più piccole, lunga poco più di 1,5 km. Eppure, custodisce un numero incredibile di reperti e religiosi, dal momento che è stata abitata dai monaci di vari ordini per quasi mille anni.

San Nicola si visita a piedi e le sue coste, ricche di cale per fare il bagno in tranquillità, si esplorano in barca, gommone o anche in canoa. L’isola è collegata via mare tutto l’anno con la terraferma (porto di Termoli) e con l’isola di San Domino, da cui dista 450 metri.

Motonavi veloci e catamarani dal porto di San Nicola per Termoli, Vasto, Vieste, Rodi Garganico

Dal porto di San Nicola, parte tutti i giorni la motonave Capraia della compagnia di navigazione Tirrenia, che fa scalo a San Domino e raggiunge il porto di Termoli, in provincia di Campobasso, con almeno due corse al giorno e collegamenti molto più frequenti durante l’alta stagione. Termoli si raggiunge inoltre da aprile a ottobre con i mezzi veloci di NLG, Navigazione Libera del Golfo.

Gli altri porti di partenza per le Tremiti sono Vasto, in Abruzzo, e Rodi Garganico e Vieste, in Puglia: da qui, da giugno a settembre un servizio di catamarano della compagnia di navigazione NLG collega la terraferma con il porto di San Nicola. Non si possono imbarcare veicoli ma soltanto passeggeri e, con supplemento, biciclette, animali domestici e attrezzature sportive.

Il porto di San Nicola

Il porticciolo di San Nicola si trova a sudest dell’isola e sorge in una baia naturale protetta da due moli. Per chi arriva in traghetto, il porto si presenta come una piccola insenatura che si specchia in acque il cui colore varia dal turchese al verde. Ma ciò che colpisce di più è sicuramente il complesso abbaziale di Santa Maria a Mare, che fu edificato dai monaci benedettini di Montecassino nel 1045. Il complesso si erge a strapiombo sulla roccia e domina tutta la zona del porto.

Inoltre, alla destra del porto di San Nicola si può ammirare la grotta di San Michele, dall’irreale forma di teschio, e gli Scogli segati, due massi immersi nel blu e spaccati perfettamente in due a seguito di una caduta. Tutta la zona del porto, così come tutti i fondali delle Tremiti, sono un vero paradiso per immersioni e snorkeling.