Le Diomedee, Tremiti: non solo una specie di uccelli ma delle vere leggende

Diomedee uccelli Tremiti

Vuole il racconto che l’eroe greco Diomede sia morto sulle isole Tremiti che, per tale motivo, sono chiamate Diomedee. E Diomedee è anche il nome di una specie di uccelli che vive proprio su questo piccolo e incantevole arcipelago. Di cui costituisce, in un certo senso, una delle cose più caratteristiche da vedere.

  • La specie. Si tratta di una particolare specie di gabbiani, subito riconoscibili per il loro peculiare quanto caratteristico verso. Sono uccelli grandi e maestosi, specialmente quando è possibile ammirarli mentre planano sulle onde del mare che circonda l’arcipelago.
  • Dove vederli. Popolano, in generale, le coste delle isole Tremiti, soprattutto le parti più rocciose e impervie. Per poter “incontrare” le Diomedee, basta solo armarsi di un po’ di pazienza e di un buon binocolo: gli appassionati di birdwatching non ne resteranno sicuramente delusi.
  • La leggenda. Secondo una leggenda, Afrodite, impietosita dalla morte di Diomede, trasformò i suoi compagni in uccelli affinché vegliassero sulla tomba dell’eroe greco. Sembra che, in antichità, le Diomedee accoglievano e greci e attaccavano i barbari. Come se avessero conservato la memoria e il senso del dovere degli uomini che erano stati un tempo.

E ora, dopo che avete ammirato questa particolare specie di uccelli, ci sono le isole Tremiti da scoprire.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/p_valdivieso

Articoli correlati